Batumi 2018 – Squadra russa

Batumi 2018 presentazione squadra russa

Batumi 2018 comincierà Lunedì 24 Settembre. Le Olimpiadi di scacchi daranno il loro benvenuto all’Autunno.

Sul canale russo 1TV è stata presentata la squadra russa.

Il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin è andato ad incoraggiare i suoi Alfieri direttamente sul loro campo di allenamento. Ha ricordato loro, quanto sia importante riconquistare il ruolo di Nazione leader sul fronte scacchistico.

Il Centro di Educazione Sirius, inaugurato a Sochi nel Settembre 2015, sotto la supervisione di Vladimir Kramnik ha formato scacchisti le cui prospettive sono di un futuro radioso.

Sochi è stata scelta come località di allenamento perché il clima è simile a quello di Batumi. Sergey Karjakin, Vladimir Kramnik, Ian Nepomniachtchi, Dmitry Jakovenko, Natalia Pogonina, Alexandra Kosteniuk e i loro compagni/e di squadra voleranno dal training camp direttamente in Georgia.

Vadimir Putin e Vladimir Kramnik

Vladimir Putin ha chiesto a Vladimir Kramnik:

– Quali risultati avete conseguito dalla tua presenza al progetto Sirius?

Il 3 volte Campione del Mondo di Scacchi è stato lapidario:

– La Russia ha Campioni del Mondo nelle fasce di età che vanno dai 16 ai 20 anni. Tutti loro provengono dalla nostra scuola.

Andrey Esipenko vince con Sergey Karjakin
Andrey Esipenko vince contro Sergey Karjakin al mondiale blitz del 2017.

Tra i rappresentanti della elite russa figura il volto del giovane Andrey Esipenko. Campione Europeo Under 10 nel 2012, nel 2017 Campione Europeo e del Mondo nella categoria Under 16, all’età di 16 anni è già Grande Maestro. Esipenko proviene da Novocherkassk, che dista 585 km da Sochi.

Anastasya Paramzina

Sul fronte femminile vi è la stella nascente Anastasya Paramzina, che nel 2017 al Campionato del Mondo Under 20 disputato a Tarvisio ha conquistato la medaglia d’argento.

Queste due pepite d’oro sono il cuore pulsante del futuro di Sirius.

Andrei Filatov
Natalia Pogonina, Alexandra Kosteniuk, Andrey Filatov, Dmitry Jakovenko.

Andrei Filatov, Presidente della Federazione Scacchistica Russa, ha messo in luce come le 26 medaglie all’anno, vinte dai giovani scacchisti russi in tutte le categorie, siano maggiori rispetto ai tempi della Unione Sovietica. L’iter formativo dei ragazzi prevede una prima formazione, presso i distaccamenti regionali. In questi centri vengono selezionati e preparati al soggiorno di 3 settimane presso il Centro di Educazione Sirius.

Jakovenko, Sergei Rublevsky, Vladimir Potkin (background), Sergey Karjakin, Vladimir Kramnik

Vladimir Kramnik ha sentenziato che il processo formativo del progetto Sirius è esente da errori. Nessun ragazzo di talento andrà perduto. Ogni dettaglio è accuratamente predisposto.

In epoca sovietica esisteva una ben nota scuola di scacchi, io stesso provengo da lì, e non c’era una simile struttura nelle vicinanze. Stiamo cambiando il paese ottenendo il massimo. Gli scacchi torneranno ad essere un super-sport agli occhi dei bambini. La nostra squadra sarà presto rafforzata da “menti fresche”.

Vladimir Putin Batumi 2018

“Questo dovrebbe essere per i bambini del posto, un punto d’appoggio: non dovremmo aprire scuole d’elite, ma fornire scuole ai bambini comuni – per garantire che i bambini evitino di sentiri esclusi nella celebrazione della loro vita”.