Robert James Fischer – L’immortale e le donne

Robert James Fischer

A volte anche uno scacchista bestemmia.

Per la smania di voler scrivere un articolo in più tale scacchista ha messo in cattiva luce un IMMORTALE.

L’articolo in questione è faziosamente di parte. Dell’intervista è stato riportato uno stralcio. Leggete il libro “La psicologia del giocatore di scacchi” di Reuben Fine. Avrete una visione più approfondita dei concetti espressi e della stessa intervista.

Robert James Fischer è stato un genio e persona onesta che diceva ciò che pensava. Senza peli sulla lingua. Senza sotterfugi. A scapito di risultare antipatico o impopolare.

Con le donne aveva un rapporto legato al Complesso di Edipo. Aveva sofferto quando la madre scelse di risposarsi, quindi alcuni suoi giudizi sono legati al suo malessere.

Una persona furba li avrebbe celati di fronte al grande pubblico, ma il suo ego smisurato e l’amore per la verità lo fanno cogliere in flagrante di fronte ai postumi che ne vogliono strumentalizzare l’opinione.

Che il peccato dello scacchista sia veniale se riconoscerà la sua incompetenza in materia psicologica e saprà porre rimedio al suo scritto che lascio ad altri giudicare se inappropriato e/o inopportuno.

Qualcuno nutre dei dubbi sul fatto che Robert James Fischer avesse almeno difficoltà ad offrire un cavallo di vantaggio a Lisa Lane?

Un elo 2700 cosa può offrire di vantaggio ad un elo 2000 affinchè la partita sia incanalata sui binari di parità?

Abbiamo visto quello che è successo a Magnus Carlsen. Un 2800 contro un 2670.

Inoltre il giudizio di Bobby sulle donne può essere anche mutato nel tempo.

Si è sposato di fatto con Miyoko Watai, il che dimostra che anche il Campionissimo riuscì a trovare una degna Regina.

Non di meno occorre affermare che le donne nel corso del secolo da poco concluso hanno percorso passi da gigante e nel secolo corrente stanno ricoprendo molte cariche pubbliche. E lo stanno facendo in modo degno ed egregio. Quindi la tecnologia ed il progresso ha intaccato anche il loro stile di vita. Poi tutti noi si ama il dolce della nonna. Anche ai fornelli le donne sono da sempre le regine della casa.

Robert James Fischer ha chiuso i suoi giorni di gloria in Islanda.

Vedremo tra qualche anno ciò che la nuova generazione scacchistica femminile sarà stata in grado di produrre al pari del Campione del Mondo di scacchi.

Al momento Hou Yifan guida la classifica FIDE femminile, ma nuove leve si sono affacciate all’orizzonte, il gap può essere colmato.

Il 13 luglio 2004 Robert James Fischer venne arrestato all’aeroporto “Narita” di Tokyo dalle autorità nipponiche per conto degli Stati Uniti d’America, ufficialmente per un passaporto irregolare. Fatto sta che il Governo statunitense non aveva mai perdonato a Fischer l’aver disputato “La rivincita del XX secolo” nel 1992 nell’ex Jugoslavia, allora sotto embargo ONU.

Boris Spasskij, il 10 agosto 2004, scrisse una lettera aperta al Presidente degli Stati Uniti in sostegno del suo collega:

“Non voglio difendere o giustificare Bobby Fischer. Lui è fatto così. Vorrei chiederle soltanto una cosa: la grazia, la clemenza. Ma se per caso non è possibile, vorrei chiederle questo: la prego, corregga l’errore che ha commesso François Mitterrand nel 1992. Bobby ed io ci siamo macchiati dello stesso crimine. Applichi quindi le sanzioni anche contro di me: mi arresti, mi metta in cella con Bobby Fischer e ci faccia avere una scacchiera.”

Hits: 93

Lisa Lane – Campionessa di scacchi americana

Lisa Lane e Bobby Fischer

Marianne Elizabeth Lane Hickey (nata il 25 aprile 1938) è un ex giocatrice di scacchi americana. La sua combinazione di bell’aspetto e abilità nel gioco degli scacchi l’ha resa una celebrità internazionale. Non ha mai ottenuto il titolo di maestro di scacchi. La sua foto è apparsa sulla copertina di Sports Illustrated. Lisa Lane è stata la prima di due soli giocatori di scacchi ad apparire sulla copertina (l’altro è stato Bobby Fischer nel 1972). C’erano articoli su di lei in:

  • Look
  • Newsweek
  • The New Yorker
  • molte altre riviste

Nella partita che segue la vediamo perdere con Krystyna Radzikowska. La GM polacca aveva per il gioco degli scacchi una passione più profonda ed i risultati le hanno dato ragione e gratificazioni.

Hits: 30